Logo Università degli Studi di Milano


Dipartimento di

 
 

Erbario  

L'Erbario del Dipartimento di Bioscienze (Herbarium Universitatis Mediolanensis-HbMI) proviene dalle collezioni storiche risalenti all'antico Istituto di Scienze Botaniche successivamente aggiornate ed arricchite con campioni provenienti dagli studi condotti principalmente sul territorio lombardo.

Le raccolte relative alle piante vascolari constano di svariate decine di migliaia di esemplari. Il materiale in buona parte recuperato con trattamento a freddo, restaurato e catalogato previa etichettatura. I dati relativi ai singoli campioni sono stati informatizzati. Gli esemplari sono suddivisi in spazi fisici differenti, in funzione della raccolta di provenienza. Sono state così scorporate le collezioni dei raccoglitori insigni che sono andate a costituire alcuni erbari distinti per Autore: tra i principali, gli erbari Sordelli, Corti, Ardissone, Cobau, Fiori-Beguinot, del 19° e primo 20° secolo. Accanto agli erbari storici, i campioni moderni raccolti in ordine sistematico annoverano circa 6000 campioni. La componente tallofitica ha come fulcro l’Erbario Crittogamico Italiano ed annovera raccolte briologiche (circa 15000 campioni), algologiche e micologiche (oltre 25000 campioni).

 

Campione di Aldrovanda vesciculosa, specie carnivora acquatica estinta in Italia secondo l'Unione Internazionale per la Conservazione della Natura, della quale sono in corso progetti di reintroduzione. Il campione è stato raccolto a Mantova nel 1870.

 

 

Torna ad inizio pagina